pandoraicon4X4
pandoraicon4X4

facebook
youtube
© 2019 Ass. Cul. Pandora
{

Teachers

Click on a photo to open the tab of the App

{
{
{

Hila DI Castro (Israel)
"Character arc in a long form"

Neal Leaheey (USA)
"Non linear improvisations"

Sean McCann (UK)
"Advanced techniques of musical improvised"

{
{
{

Diego Ingold (Spain)
"Better not alone"

Delia Riciu (Romania)
"Zoom"

Stephen Davidson (UK)
"Slow comedy"

{
{
{

Emanuele "Zazza" Ceripa
"Follow the white rabbit"

Alberto Ceville
"The red nose"

Roberto Boer
"Amazing stories"

{
{
{

Cecilia Flower
Escilo! pull out the character in you!

David Priore
"Don't think, do!"

Mariadele Attanasio
"I + You, the universe of relations"

{
{
{

Mirko Manetti
"Once upon (just one) time"

Mirko Manetti
"Once upon (just one) time"

Mirko Manetti
"Once upon (just one) time"

{
Lorem ipsum dolor sit amet

Mirko Manetti
"Once upon (just one) time"

EXPERIENCED (AT LEAST 5 YEARS OF IMPROV STUDIES)

HILA DI CASTRO

{

CHARACTER ARC IN A LONG FORM

an actress and improviser from Israel. one of the artistic director of her group LAMABATI which perform in Israel and festivals around the world.

an international improv and acting teacher  ( Finland, Estonia, Latvia, Belgium, Germany, Barcelona ..) she teaches and coach improv groups around Israel (including an all Orthodox Jewish women group). she is the co founder and the artistic director of "20,000 words" - an improv based workshops and shows that advocate gender equality.

This workshop is for improvisers who find themselves playing the main character (or any character) in a long form, and are unsure of how to develop the character’s arc and move the story forward.

When improvising longforms, we often focus much of our attention on the plot, trying to create the story from without. Another way of telling a story is from within, by following character arcs: What is happening to the character? What are their choices, actions, highs and lows, strengths and flaws? Stories told from the perspective of the character arc have a strong internal driving force and shine a light on human nature, in all its splendor and imperfection. For us as improvisers, this is both a great challenge and an exhilarating ride.

In this workshop, we will learn how to create compelling character arcs that will move and surprise our audiences, empower us to dare into stronger and more interesting characters and choices and leave everyone asking for more.

Back to top

EXPERIENCED (AT LEAST 5 YEARS OF IMPROV STUDIES)

{

NEAL LEAHEEY

NON LINEAR IMPROVISATIONS

Neal Leaheey is a Rhode Island, USA based improviser with a world perspective. Currently serving as Artistic Director for the International Theatresports Institute, he’s been lucky enough to perform hundreds of shows both at his home theatre company and at festivals around the US, Canada, Europe and the Middle East. In addition to teaching adults, he’s worked for years as a teaching artist with high school students to expand access to the performing arts and to integrate improvisation and storytelling into the public school literature curriculum. Neal is also a key Ensemble member at The Contemporary Theatre Company in Rhode Island where he performs and directs in their regular Maestro, Theatresports and Gorilla improvised shows. With a special interest in using Johnstone-based ideas about improvisation to devise new works of theatre, he creates works that challenge ideas about gender, find new ways to tell intersecting stories and allow us to rewrite our own personal narratives.​

I’m not sure exactly how much you’d like me to write here so I’ll just put something and then if you’d like more or less, let me know!
Have you ever found yourself stuck in the same old narrative patterns on the impro stage? Break free from conventional linear stories and look beyond the Harold with this workshop as we explore new ways of creating improvised tales and adventures on stage that operate with their own internal logic! We’ll play with telling stories that jump through time, delve into the surreal and allow for alternate choices, different endings or multiple truths while still making perfect sense to us and the audience. Beginning by taking Johnstone-based ideas of narrative and structure, we’ll gradually move to apply them to longer and more unique story structures that venture outside of familiar impro standards. We’ll also train ways to keep our ideas from dissolving into nonsense and confusion by learning processes to keep deeply connected together on our journey. As we progress through the workshop, we’ll work with tools on to create our own non-linear story formats together that are honest and real which create opportunities for us to find new ways to inspire improvisers and engage audiences.​

Back to top

EXPERIENCED (AT LEAST 5 YEARS OF IMPROV STUDIES)

SEAN MC CANN

{

ADVANCED TECNIQUES IN IMPROVISED MUSICAL

Sean performs with Showstopper The Improvised Musical and also teaches improvisation at the Oxford School of Drama. He is a founding member of The School of Night and has taught and acted in numerous international festivals. She is enthusiastic about returning to Italy, where she has worked with numerous companies in Naples, Rome, Milan, Turin, Tolfa, Piombono, Bologna and Padua, on projects such as "Blue", "Singing In The Dark" and "Shakespeare" Unpublished " .

Advanced improvisation in the musical - some new ways to act bravely while celebrating the musical world!

Back to top

EXPERIENCED (AT LEAST 5 YEARS OF IMPROV STUDIES)

DIEGO INGOLD

{

BETTER NOT ALONE

Graduated at the Balearic School of Dramatic Arts, specialized in improvisation and physical theater based on the tools learned by the schools of Etienne Decroux and Jacques Lecoq, with the aim of creating game dynamics, emotional changes in actors, new ways of improvise on stage. Now he lives in Madrid where he collaborates and teaches with different companies: Jamming, Impro's club, Yllana, Improclan, ImproValladolid, Indigesto Theater ...He is currently working on several projects:- Directing a version of speechless Hamlet for three actresses in one square meter, played by Alicia Ledesma, Clara Ingold eEstefanía Rocamora.- Co-direction of a new project PicoHueso Brothers on politics of fear, which will be premiered at Nau Ivanow in Barcelona during the month of May.- Always with Hermanos Pico Hueso, co-director of "More or less Antigone" a participatory street theater project, in which 50 volunteers from the village where the show will be performed will experience in twelve hours, the whole creative process of assembling a classic theatrical adaptation.- He works as an actor in "Clavileño e Hijos", directed by Juan Ramos, of Yllana.

EVERYONE will be ALL THE TIME on the scene. No time on the desk, no chance to whisper anything, no time to watch the scenes instead of doing them. In improv we leave the empty space ... can we fill it? We can be objects, landscape, storm ... and how can we turn our attention to the protagonists of a story? what resources of a Greek choir can we continue to use today? How do we slow down the chaos to enter calm all together? We will work on the chorus, we will draw the spaces with the body, we will find different ways to give and steal the attention, we will use group invocations and collective intelligence ... we will develop a listening 2.0.

EXPERIENCED (AT LEAST 5 YEARS OF IMPROV STUDIES)

DIEGO INGOLD

{

BETTER NOT ALONE

Graduated at the Balearic School of Dramatic Arts, specialized in improvisation and physical theater based on the tools learned by the schools of Etienne Decroux and Jacques Lecoq, with the aim of creating game dynamics, emotional changes in actors, new ways of improvise on stage. Now he lives in Madrid where he collaborates and teaches with different companies: Jamming, Impro's club, Yllana, Improclan, ImproValladolid, Indigesto Theater ...He is currently working on several projects:- Directing a version of speechless Hamlet for three actresses in one square meter, played by Alicia Ledesma, Clara Ingold eEstefanía Rocamora.- Co-direction of a new project PicoHueso Brothers on politics of fear, which will be premiered at Nau Ivanow in Barcelona during the month of May.- Always with Hermanos Pico Hueso, co-director of "More or less Antigone" a participatory street theater project, in which 50 volunteers from the village where the show will be performed will experience in twelve hours, the whole creative process of assembling a classic theatrical adaptation.- He works as an actor in "Clavileño e Hijos", directed by Juan Ramos, of Yllana.

EVERYONE will be ALL THE TIME on the scene. No time on the desk, no chance to whisper anything, no time to watch the scenes instead of doing them. In improv we leave the empty space ... can we fill it? We can be objects, landscape, storm ... and how can we turn our attention to the protagonists of a story? what resources of a Greek choir can we continue to use today? How do we slow down the chaos to enter calm all together? We will work on the chorus, we will draw the spaces with the body, we will find different ways to give and steal the attention, we will use group invocations and collective intelligence ... we will develop a listening 2.0.

Back to top

INTERMEDIATE (3-4 YEARS OF IMPROV STUDIES)

{

STEPHEN DAVIDSON

SLOW COMEDY

Stephen loves improv and one of the world’s most cheerful people when playing or teaching. When coaching and directing improv he prides himself on creating a positive environment so that players can perform at their best. Stephen likes his improv like he likes his partners; silly, clever, and emotionally connected. Stephen has studied improv through i/o Chicago, The Nursery, Annoyance, UCB, Hoopla, The Maydays, Music Box, Showstoppers, City Academy, Imprology, and with many visiting artists including Dave Razowsky, Bill Arnett, Kaci Beeler, Heather Anne Campbell, Deanna Fleysher, and many more.​

The art of Chicago-style “Slow Comedy” goes beyond taking your time and owning the silence. Slow burn is all about perception; picking up every offer, every shift of mood, the heat and weight of the relationship. In this two day masterclass, you’ll sharpen your observation, be affected, and play the emotional truth of the scene. You know how to play a scene already; come and learn how to play like a ninja.
It’s recommended that participants have at least a year of improv experience and are comfortable with scene work. Please contact me for availability, pricing, and further info.
“You create an awesome vibe, with lots of room to learn and make mistakes.”

Back to top

INTERMEDIATE (3-4 YEARS OF IMPROV STUDIES)

{

DELIA RICIU

ZOOM

Zoom is a wonderful format made up of 3 layers, each of them meant to tell a wonderfully detailed story. Therefore, this workshop is meant to teach you the very structure of a ZOOM and how you can play with it. And while doing so, you’ll also learn more about creating powerful images, creating strong and meaningful relationships on stage and also impersonating objects. At the end, all of the 3 layers come together to create a fun, strong and also visually beautiful show!​

Delia Riciu is an actress and improviser based in Bucharest. She was first introduced to improv while in Acting School, 11 years ago. She performed as a member in Comedypunctshow  for 4 and a half years, before moving on and founding the only women improv group called iELE. She was part of the first team to build Recul, the only improv theatre in Romania and she’s also a member of Jinx, a group with which she dives into the depths of slow improv. She’s a certified trainer, teaching beginner and intermediate courses and has recently opened Improteca, an improv space in Bucharest.​

Back to top

INTERMEDIATE (3-4 YEARS OF IMPROV STUDIES)

EMANUELE ZAZZA CERIPA

{

FOLLOW THE WHITE RABBIT

Cosa è il Bianconiglio?
Semplice… E’ l’ispirazione del momento, le sensazioni del tuo personaggio, la scelta da fare per scoprire dove andrà la storia!
In questo Workshop:
• Scopriremo tutti quegli strumenti che ci aiuteranno a stupirci in scena.
• Ci divertiremo a prendere quelle decisioni che ci sorprenderanno.
• Ci faremo guidare dal nostro personaggio che è molto più saggio della nostra testa.
Sei pronto a scoprire quanto è profonda la tana del Bianconiglio!?!?

È docente di Improvvisazione Teatrale, clowndottore professionista. Nel
2005 inizia gli studi presso la Scuola di Improvvisazione Teatrale Verba Volant. Nel 2007 frequenta il percorso triennale presso la Scuola di Recitazione “La maschera in soffitta”, nel 2009 diventa assistente alla regia degli spettacoli.
Collabora con la Compagnia Teatrale I Bugiardini dal 2012 con la quale nel 2013 e 2014 è stato Attore di Teatro Muto Improvvisato con lo spettacolo “Shhh an Improvised Silent Movie” ed ha partecipato a numerosi spettacoli a Roma ed al Fringe Festival di Edimburgo e dal 2011 partecipa come Attore e Cantante di “Blue – il Musical completamente Improvvisato”.
Nel 2016 fonda Lab on Stage, il laboratorio di Improvvisazione Teatrale per Improvvisatori di livello avanzato. Emanuele è direttore artistico e formatore del Laboratorio.

Back to top

INTERMEDIATE (3-4 YEARS OF IMPROV STUDIES)

{

ALBERTO CEVILLE

THE RED NOSE

Attraverso l’uso del “Naso Rosso” (maschera minima utilizzata dai Clown di tutto il mondo) impareremo ad improvvisare senza affidarci esclusivamente alla battuta o alla nostra parlantina, ma esplorando il mondo affascinante, quanto sconosciuto, della consapevolezza del nostro corpo scenico e della “comicità di situazione”.

Le tecniche di clownerie teatrale saranno il mezzo che utilizzeremo per creare nuovi personaggi, situazioni inaspettate, nuove prospettive di relazioni sceniche e, naturalmente, nuove fonti cui attingere per far divertire il pubblico e catturarlo.

Questo laboratorio si propone di affrontare il tema della “pulizia” in scena, importantissima per ogni improvvisattore, che, trovandosi a recitare senza scenografie e senza costumi è costretto a fare del proprio corpo e del proprio spazio scenico elementi fondamentali da tenere quanto mai in considerazione, basti pensare a categorie di improvvisazione come “cinema muto” o “senza parole”. Impareremo ad “asciugare” la nostra capacità di comunicazione verbale e non verbale per ottenere il massimo risultato di efficacia e comicità con il minor sforzo (apparente) possibile.

Grande risalto avrà, all’interno dello stage, anche la parte poetica che ogni Clown porta con se, facendo innamorare il pubblico ancora prima di farlo ridere.

Cercheremo di arricchire il nostro bagaglio di esperienze teatrali per diventare attori più “ricchi” e completi, impareremo dai Clown come si fa a non essere “pagliacci”.

la sua formazione teatrale inizia con la scuola di avviamento al Match d’Improvvisazione Teatrale, prosegue con la scuola dei “Teatri di Imbraco” con Nicola Zavagli e Beatrice Visibelli, e con la partecipazione a stage di improvvisazione (Long Form e Improvvisazione con il metodo di J.S.Sinisterra) di maschera (con i Familie Floz) e di teatro su testo (con Ugo Chiti all’interno degli stage organizzati dall’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico – Prima del Teatro). Professionista di Improvvisazione Dal 2005 con la sua associazione AREAMISTA crea e porta in scena molti format di improvvisazione, sia short che long form. Dal 2008 è responsabile e formatore della scuola di avviamento al Match d’Improvvisazione Teatrale della città di Arezzo. Collabora con l’Associazione di Clown Dottori “La Tribù Dei Nasi Rossi” di Arezzo, per la quale è insegnante di improvvisazione all’interno dei corsi di formazione degli aspiranti Clown, e grazie alla quale è indicato tra i formatori all’interno della F.N.C. (Federazione Nazionale di Clown Dottori).

Back to top

INTERMEDIATE (3-4 YEARS OF IMPROV STUDIES)

ROBERTO BOER

{

STORIE PAZZESCHE

Il primo giorno di scuola, il corso di judo, il primo bacio, un esame andato male, quella che volta che mi sono ubriacato, una litigata furibonda, il premio come dipendente dell’anno...
Siamo quello che siamo in virtù di ciò che abbiamo vissuto, delle nostre esperienze, delle vittorie e delle delusioni.
In poche parole: siamo quello che siamo grazie alla nostra storia.
Ed è lo stesso per i personaggi che portiamo in scena.
Le storie pazzesche che non vedremo mai costituiscono il bagaglio fondamentale per trovare e rendere veri e credibili i personaggi in scena.
Le storie pazzesche che non vedremo mai sono lo strumento necessario per poter fare, agire e reagire coerentemente.
Le storie pazzesche che non vedremo mai sono l’antidoto contro l’imbarazzo, la paura di perdere il personaggio e il timore di portare in scena noi stessi per l’ennesima volta.
Il workshop si rivolge a improvvisatori con almeno due anni di esperienza e mira a fornire nuovi strumenti, opportunità e punti di vista per creare personaggi forti, solidi e credibili, lavorando sul loro background e sul loro passato e rendendo vero e coerente il meccanismo di azione/reazione.
Una critica che a volte viene mossa agli improvvisatori è: “Sono bravi ma quei personaggi sono poco teatrali”. Magari perchè non sappiamo come farlo. Magari perché non ci interessa farlo. Magari perché reputiamo ciò che portiamo in scena già sufficientemente completo, divertente, appagante e questo ci basta. Proviamo a non accontentarci, ad esplorare la profondità dei personaggi, scoprire un mondo totalmente inesplorato e abbandonare, finalmente, i soliti vecchi cliché.
La didattica parte da tecniche e sistemi di recitazione per estrapolarne, adattarne, stravolgerne e modificarne i contenuti a uso esclusivo dell’improvvisazione.
L’approccio non sarà quindi accademico, ma basato sulla scoperta e la
sperimentazione, per rendere tutto più semplice, divertente e vicino all’approccio dell’improvvisatore.
L’obiettivo è quello di arricchire ulteriormente la valigia degli attrezzi dell’attore che improvvisa, lasciandogli sempre la forza del poter scegliere, senza snaturare la bellezza dell’improvvisazione con qualcosa di artefatto e preconfezionato.
Si consiglia un abbigliamento comodo (no jeans), se possibile nero e senza tasche.

Formatore, attore e improvvisatore professionista. Inizia a studiare recitazione nel 1999, metodi Meisner e Stanislavskij. Tra i suoi insegnanti Antonio Brugnano (mimo e attor muto), Gipeto (regia teatrale), Lorenzo Scuda, Andrea Tosoni (canto e improvvisazione), Renata Coluccini, Simona Gonnella, Carlos Maria Alsina (recitazione e monologhi). Nel 2016 avvia con Elena Lah il progetto BLAH BLAH, da cui nascono due workshop e gli spettacoli BIVIO, PAGINARIUM e LETTERALMENTE.
Dal 2017 è parte della Compagnia Nazionale d’Improvvisazione e responsabile della scuola di Bergamo.

Back to top

THE FIRST LEVEL (1-2 YEARS OF IMPROV STUDIES)

{

CECILIA FIORITI

ESCILO! TIRA FUORI IL PERSONAGGIO CHE E' DENTRO DI TE

Avete la sensazione di portare in scena sempre voi stessi? Vorreste ogni volta proporre un nuovo personaggio ma non sapete come fare?

Con questo workshop vedremo insieme tecniche e spunti per creare sul momento, in modo semplice ed efficace personaggi principali e secondari, protagonisti ed antieroi.

Escilo! ti aiuterà, assecondando il tuo istinto, a far emergere quello che già c'è dentro di te. La magia della scoperta, senza la fatica dell'invenzione.

Ci divertiremo a lavorare e a sperimentare insieme utilizzando voce, corpo e posture!

Attrice e improvvisatrice, inizia con il teatro classico facendo parte, come socia e attrice, della compagnia teatrale Carthago Teatro di Perugia, portando in scena testi di Ibsen, Moliere e Durrenmatt. Dal 2009 studia improvvisazione presso la Scuola Nazionale VerbaVolant e, una volta diplomatasi, arricchisce la sua esperienza formativa con stage e workshop con alcuni tra i migliori improvvisatori internazionali. Fa parte del cast di B.L.U.E. – il musical completamente improvvisato ed è uno degli attori fondatori della  compagnia Roma Improv.​

Back to top

THE FIRST LEVEL (1-2 YEARS OF IMPROV STUDIES)

MARIADELE ATTANASIO

{

IO + TE: L'UNIVERSO DELLE RELAZIONI

Le relazioni ci conducono nella costruzione di storie, e quanto più sappiamo riconoscere questo potentissimo strumento (e gestirlo) tanto più possiamo muoverci con sicurezza. Relazioni fugaci, che nascono e muoiono, durature, stimolanti, uniche o già viste. Uno studio sull'intimità nella relazione e anche sull'intimità romantica, approfondendo dinamiche corali, comiche, tipiche dell'archetipo pop della commedia romantica americana. Preparate le labbra.​

Maria Adele Attanasio conosce il teatro a quindici anni e non lo lascia più.  Nel 2003 si imbatte nell'improvvisazione teatrale, conclude il percorso formativo nella scuola nazionale d'Improvvisazione Teatrale, partecipa a campionati nazionali professionisti in giro per l'Italia e campionati del mondo di improvvisazione (Montreal 2008, Bruxelles 2009, Ginevra 2010). Insegnante certificata SNIT nella scuola Voci e Progetti di Perugia ed in varie scuole d'italia. Unica invitata italiana la festival di Improvvisazione internazionale Spontaneus a Lione nel 2010, all'Improv Festival di Berlino nel 2014, al festival Internazionale Subito! Di Brest, al Momento Festival di Vienna nel 2017 e di Leipzig nel 2019. Nel 2008 entra a far parte della compagnia professionale di Improvvisazione Teatrale QFC partecipando a spettacoli vari come “Lo strano mondo di Lorenz”, “Black”, “Microstorie”, “Low Cost”, “Serial”, dal 2015 della compagnia Quinta di Copertina che approfondisce lo studio di un inedito Shakespeariano con la regia di Stefano De Luca.​

Back to top

THE FIRST LEVEL (1-2 YEARS OF IMPROV STUDIES)

{

DAVIDE L'OMINO PRIORE

NON PENSARE, FAI!

Nella maggior parte delle lingue, recitare è sinonimo di GIOCARE (in inglese “to Play”, “spielen” in tedesco, “jouer” in francese…)  quando però siamo all’inizio del nostro percorso come improvvisatori, l’ansia da pagina vuota può farci perdere di vista questo concetto, e farci recitare con la testa anziché  “con la pancia”.

In questo workshop quindi impareremo come rendere nostra amica l’ansia, spegneremo il cervello e reagiremo semplicemente a quello che succede, imparando che le storie migliori sono quelle che non vanno come avevamo previsto. 

Davide Priore “L’Omino” è il direttore artistico e didattico dell’Accademia Bresciana Improvvisazione Teatrale, precedentemente è stato attore del circuito professionista del match di improvvisazione teatrale, ed ha tenuto corsi di Improvvisazione presso il Teatro Stabile di Verona,  e l’associazione culturale Ossidiana di Vicenza. Comico per vocazione (riviste, libri, spettacoli, programmi TV), ed essere umano tragico per diritto di nascita, sceglie l’improvvisazione per evitare la fatica di doversi ricordare quello che scrive.​

Back to top

THE FIRST LEVEL (1-2 YEARS OF IMPROV STUDIES)

MIRKO MANETTI

{

C'ERA UNA (SOLA) VOLTA

Il primo passo nei mondi improvvisati. Estrarre la propria energia creativa, con la mente sgombra e la faccia sorridente. Cosa è veramente importante per un buon improvvisatore? Le prime risposte spesso sono: tecnica, genialità, ascolto. E se scoprissimo invece che la vera forza creatrice di ogni storia improvvisata non ha niente a che fare con tutto questo? Improvvisare, infatti, è prima di tutto una questione di ENTUSIASMO. Maneggiamo allora la potenza dal gioco, della spensieratezza, del rilascio dei freni, assaporiamo la gioia del creare dal nulla e a cuor leggero. Torniamo bambini, per non focalizzarsi sul risultato ma sul percorso, guardarsi indietro e poter improvvisamente dire: “c’era una (sola) volta”, e dare così vita ad una storia scritta solo col nostro entusiasmo creativo. È uno stage per chi si è avvicinato da pochissimo all’impro o per chi deve ritrovare un po’ di energia primordiale: è quindi adatto a chiunque si voglia re-innamorare dell’improvvisazione, per coltivare il suo lato meno razionale. Perché improvvisare non è un gesto tecnico, ma un atto di volontà.​. 

Vive felicemente a Montelupo Fiorentino da trentasette anni. Dopo il diploma e un po’ di anni dietro la scrivania, cede al fascino del palco: dal teatro di provincia finisce a giocarsi i Mondiali di Match d’Improvvisazione Teatrale con la nazionale italiana. Nel frattempo si laurea con lode in Storia e critica dello spettacolo con una tesi sulla – manco a dirlo – improvvisazione teatrale. Dal 2007 lavora a Firenze come improvvisatore professionista del Match d’Improvvisazione Teatrale, è in seguito attore-produttore di altri format soprattutto con l’associazione culturale Areamista. In generale dà volentieri una spolveratina di improvvisazione ovunque possa servire: didattica, formazione personale e aziendale, integrazione culturale, training attoriale, valorizzazione dei beni culturali. Non disdegna la drammaturgia teatrale e altre forme di scrittura: ha pubblicato FACEVO PRIMA COL TRENO – diario semiserio del pellegrinaggio fatto lungo la via Francigena – presentato al Salone del Libro di Torino e THE IMPROV BIG BANG THEORY, il primo manuale di storia dell'improvvisazione teatrale.​

Back to top

THE FIRST LEVEL (1-2 YEARS OF IMPROV STUDIES)

MIRKO MANETTI

{

C'ERA UNA (SOLA) VOLTA

Il primo passo nei mondi improvvisati. Estrarre la propria energia creativa, con la mente sgombra e la faccia sorridente. Cosa è veramente importante per un buon improvvisatore? Le prime risposte spesso sono: tecnica, genialità, ascolto. E se scoprissimo invece che la vera forza creatrice di ogni storia improvvisata non ha niente a che fare con tutto questo? Improvvisare, infatti, è prima di tutto una questione di ENTUSIASMO. Maneggiamo allora la potenza dal gioco, della spensieratezza, del rilascio dei freni, assaporiamo la gioia del creare dal nulla e a cuor leggero. Torniamo bambini, per non focalizzarsi sul risultato ma sul percorso, guardarsi indietro e poter improvvisamente dire: “c’era una (sola) volta”, e dare così vita ad una storia scritta solo col nostro entusiasmo creativo. È uno stage per chi si è avvicinato da pochissimo all’impro o per chi deve ritrovare un po’ di energia primordiale: è quindi adatto a chiunque si voglia re-innamorare dell’improvvisazione, per coltivare il suo lato meno razionale. Perché improvvisare non è un gesto tecnico, ma un atto di volontà.​. 

Vive felicemente a Montelupo Fiorentino da trentasette anni. Dopo il diploma e un po’ di anni dietro la scrivania, cede al fascino del palco: dal teatro di provincia finisce a giocarsi i Mondiali di Match d’Improvvisazione Teatrale con la nazionale italiana. Nel frattempo si laurea con lode in Storia e critica dello spettacolo con una tesi sulla – manco a dirlo – improvvisazione teatrale. Dal 2007 lavora a Firenze come improvvisatore professionista del Match d’Improvvisazione Teatrale, è in seguito attore-produttore di altri format soprattutto con l’associazione culturale Areamista. In generale dà volentieri una spolveratina di improvvisazione ovunque possa servire: didattica, formazione personale e aziendale, integrazione culturale, training attoriale, valorizzazione dei beni culturali. Non disdegna la drammaturgia teatrale e altre forme di scrittura: ha pubblicato FACEVO PRIMA COL TRENO – diario semiserio del pellegrinaggio fatto lungo la via Francigena – presentato al Salone del Libro di Torino e THE IMPROV BIG BANG THEORY, il primo manuale di storia dell'improvvisazione teatrale.​

Back to top

THE FIRST LEVEL (1-2 YEARS OF IMPROV STUDIES)

MIRKO MANETTI

{

C'ERA UNA (SOLA) VOLTA

Il primo passo nei mondi improvvisati. Estrarre la propria energia creativa, con la mente sgombra e la faccia sorridente. Cosa è veramente importante per un buon improvvisatore? Le prime risposte spesso sono: tecnica, genialità, ascolto. E se scoprissimo invece che la vera forza creatrice di ogni storia improvvisata non ha niente a che fare con tutto questo? Improvvisare, infatti, è prima di tutto una questione di ENTUSIASMO. Maneggiamo allora la potenza dal gioco, della spensieratezza, del rilascio dei freni, assaporiamo la gioia del creare dal nulla e a cuor leggero. Torniamo bambini, per non focalizzarsi sul risultato ma sul percorso, guardarsi indietro e poter improvvisamente dire: “c’era una (sola) volta”, e dare così vita ad una storia scritta solo col nostro entusiasmo creativo. È uno stage per chi si è avvicinato da pochissimo all’impro o per chi deve ritrovare un po’ di energia primordiale: è quindi adatto a chiunque si voglia re-innamorare dell’improvvisazione, per coltivare il suo lato meno razionale. Perché improvvisare non è un gesto tecnico, ma un atto di volontà.​. 

Vive felicemente a Montelupo Fiorentino da trentasette anni. Dopo il diploma e un po’ di anni dietro la scrivania, cede al fascino del palco: dal teatro di provincia finisce a giocarsi i Mondiali di Match d’Improvvisazione Teatrale con la nazionale italiana. Nel frattempo si laurea con lode in Storia e critica dello spettacolo con una tesi sulla – manco a dirlo – improvvisazione teatrale. Dal 2007 lavora a Firenze come improvvisatore professionista del Match d’Improvvisazione Teatrale, è in seguito attore-produttore di altri format soprattutto con l’associazione culturale Areamista. In generale dà volentieri una spolveratina di improvvisazione ovunque possa servire: didattica, formazione personale e aziendale, integrazione culturale, training attoriale, valorizzazione dei beni culturali. Non disdegna la drammaturgia teatrale e altre forme di scrittura: ha pubblicato FACEVO PRIMA COL TRENO – diario semiserio del pellegrinaggio fatto lungo la via Francigena – presentato al Salone del Libro di Torino e THE IMPROV BIG BANG THEORY, il primo manuale di storia dell'improvvisazione teatrale.​

Back to top

Create a website